Redazione

Redazione

Mercoledì, 01 Gennaio 2020 21:32

SI CHIUDE A POLICORO L’ATTIVITA’ 2019 DI K42

Cala il sipario sulla stagione agonistica 2019 della Cosenza K42, impegnata con 4 atleti nell’ultima freddissima domenica dell’anno a Policoro (MT), alla 6ª Half Marathon della Siritide, evento rinviato per allerta meteo lo scorso 29 novembre. Tra gli uomini Aldo Carbone si classifica all’undicesimo posto con il crono di 1h20’38’’. La gara femminile pone in evidenza sulle strade lucane le lady giallonere, appena insignite degli oscar interni durante l’annuale incontro associativo, grazie alla speciale classifica che premia gli atleti e le atlete maggiormente distintisi per partecipazione e performance. Stefania De Napoli è 15ª assoluta e leader di categoria SF45, terminando la mezza maratona in 1h46’42’’. Nuccia Fondacaro stabilisce il nuovo personal best sulla distanza, fermando il cronometro su 1h48’27’’ (1h49'17'' il suo precedente pb), che le vale l’argento di categoria. Ultima vittoria tra le SF55 per Maria Gabriella Bartoletti, al traguardo in 1h49’48’’, alla media di 5’12’’ a km.

Xxxxia Foxdaxaro a Polixoro
Nuccia Fondacaro ha stabilito a Policoro il nuovo pb sui 21km

ariaGabriella Bartoletti a Polixoro
Maria Gabriella Bartoletti prima di categoria SF55

Stefaxia De Xapoli a Polixoro
Primo posto SF45 per Stefania De Napoli                     

In un clima disteso e conviviale, si è svolta sabato 28 dicembre presso la sala congressi dell’hotel San Francesco di Rende, l’Assemblea annuale dei Soci dell’Asd Cosenza K42. Assolti in apertura dei lavori gli obblighi statutari di rendicontazione dell’esercizio finanziario 2019, sono stati cadenzati con sapiente nonchalance dal moderatore coach-speaker Marcello Piro, i diversi interventi in programma. Durante la serata menzionati e premiati gli atleti delle categorie Assoluti e Master, maggiormente distintisi nel corso della stagione agonistica. Encomio per il top runner Andrea Pranno espresso dai vertici societari, riferito alla sua volontà di confermare la scelta di vestire i colori della K42 anche per il 2020, nonostante le avance di prestigiosi club del nord Italia. Applausi per il direttore tecnico Maurizio Leone per il recente incarico di FTR ricevuto dalla Fidal Regionale e per il conseguimento del titolo accademico di Allenatore di IV Livello. Tra le novità in cantiere per la prossima stagione, annunciati già i nuovi tesserati. Proveniente dall’Atletica Casone Noceto di Parma, il mezzofondista Giovanni Auciello, che potrà essere utilizzato nella duplice veste di atleta assoluto e master. Auciello, con un passato nei centri sportivi militari di Aeronautica ed Esercito, vanta personali da Top Level come 14’29’’ sui 5000m, 29’54’’ sui 10000m e 1h05’ sulla mezza maratona. Dal primo gennaio entrerà a far parte del team Leone anche il senior Luigi Altomare, proveniente dalla Dojo Judo Running. Il roglianese porta in dote un personal best di 16’14’’ sui 5000m e 1h14’ sulla mezza. A dar manforte alla squadra master maschile arriveranno l’SM45 Francesco Carbone (Tiger Running Club) e l’SM40 Emilio Termini (Dojo Judo Running). La squadra femminile master potrà invece contare dal prossimo anno sulle performance di Francesca Familiari, ex Libertas Lamezia e Violetta Club. Per quanto riguarda l’attività giovanile, premiati i tecnici e assegnati gli attestati di “Atleta Eccellente 2019” a tutti i ragazzi. Consegnati alle famiglie i riconoscimenti per il supporto offerto durante l’anno. Riconoscimenti allo staff medico. Apprezzato il gesto di Ayoub Idam, ritornato a Cosenza per salutare i suoi ex compagni di squadra. L’evoluzione dell’atleta di origini magrebine, è stato per molti anni l’esempio di buona gestione del settore giovanile giallonero, proiettato ad offrire sul territorio un servizio di valenza sociale, promuovendo attraverso la pratica dell’attività motoria, il concetto di sport inteso come strumento formativo e di crescita personale dei ragazzi. Un modus che sta raccogliendo consensi in città e non solo.

platea
I partecipanti all’Assemblea annuale dei Soci

Axdrea Praxxo allasseblea di fixe axxo
La società ringrazia Andrea Pranno

Graxdixetti
Leone premia il tecnico Massimo Grandinetti

Piro
Premiato il tecnico Marcello Piro

Savaia faiglia
Riconoscimento alla famiglia Savaia

Grexo Faxiglia
Riconoscimento alla famiglia Greco

De Vixo Faxiglia
Riconoscimento alla famiglia De Vico

Xoforti Faxiglia
Riconoscimento alla famiglia Conforti

Ferdixaxdo Ritrovato
Riconoscimento al dr Ferdinando Ritrovato

De Rosa pp
Riconoscimento al Coach Alessandro De Rosa

Chinesiologo Faggio
Riconoscimento al Chinesiologo Billy Faggio

Vitale
Riconoscimento ad Alessandro Vitale

Torta K42
Il dolce K42 per gli auguri di buon anno

Lunedì, 23 Dicembre 2019 08:05

COSENZA K42 RINGRAZIA AYOUB IDAM

La Cosenza K42 saluta e ringrazia Ayoub Idam. Il mezzofondista di origini magrebine dal 2020 correrà per un nuovo club. Dopo quattro anni Idam rientra nella sua Crotone, dove ad attenderlo ci sarà un progetto creato su misura per il suo definitivo lancio nel mondo dell’atletica assoluta. Le esperienze agonistiche maturate da Ayoub Idam nelle categorie giovanili Allievi e Juniores, hanno accresciuto il suo bagaglio tecnico e allo stesso tempo dato lustro alla K42. A livello nazionale Ayoub Idam, con addosso i colori gialloneri, ha conseguito tre medaglie d’oro: nel 2017 a Rieti sui 3000 metri ai Campionati Italiani Allievi su pista, nel 2019 a Torino ai Campionati Italiani di Cross e a Canelli (Asti) ai Campionati Italiani di Corsa su Strada. Due argenti: nel 2018 ad Agropoli sui 3000 metri ai Campionati Italiani Juniores su pista e a Rieti nel 2019 sulla distanza dei 5000 metri ai Campionati Italiani Juniores su pista. Ad Ancona lo scorso febbraio l’unico bronzo conquistato sui 1500 metri ai Campionati Italiani Indoor. Il Consiglio Direttivo e tutti i tesserati dell’Asd Cosenza K42 augurano le migliori fortune per il suo futuro sportivo e di vita ad Ayoub Idam.

Aob3
Leone, Ayoub Idam, Alberto Giungato ed il dg Misasi

Aob2
Ayoub Idam e Maurizio Leone   

Mercoledì, 18 Dicembre 2019 11:02

K42 IN TOUR A TORINO, PISA E CATANIA

Cosenza K42 presente al nord, al centro e al sud dello stivale, nella domenica podistica di ‘road race’ prenatalizie. All’ombra della Mole Antonelliana, buon test per Andrea Pranno ed Edoardo Misurelli. Alla Sei Miglia di Natale svoltasi all’interno del Parco Dora di Torino, 4° posto in 32’35’’ per il cosentino Pranno, seguito al 5° posto in 33’27’’ dal suo compagno di squadra Misurelli. Sulla distanza dei 21 km inclusi nella XXI Cetilar Maratona di Pisa, Damiano Spina si posizione al 40° posto assoluto su 1102 runners giunti al traguardo, fermando il cronometro su 1h21’50’’. Massimino Cozza si classifica al 157° posto in 1h32’39’’. Alla media di 4'28" a km, Diego Bruno termina in 1h34’31’’. Avvio aggressivo per Daniele Percacciuolo, transitato a metà gara alla media di 4’04’’, con netto calo finale ratificato da un inaspettato 1h37’38’’. In Sicilia Alberto Caratozzolo conferma l’attaccamento alla maglia, correndo da protagonista la mezza maratona di Catania, nonostante il cuore affranto per il grave lutto che ha colpito recentemente la sua famiglia. L’atleta di Bagnara Calabra alle falde dell’Etna si è classificato al 5° posto assoluto, fissando il suo nuovo primato sulla distanza, coprendo i 21 km e 97 metri in 1h14’35’’ (32 secondi in meno rispetto a Milano 2017). Nella stessa manifestazione, personal best anche per Sabrina Gioberti, 2ª di categoria SF40 in 1h32’45’’ (1h33’26’’ il suo precedente pb realizzato nel 2018 a Reggio Calabria). Sempre a Catania, Stefania De Napoli chiude la mezza in 1h49’14’’. In Calabria al 10° Trofeo Carabetta di Squillace (CZ), Lucio Luciani termina i 20 km circa con il tempo di 1h53’16’’. Out Luca Ursano e Massimo Ragusa.

Praxxo 6 miglia run 30
Andrea Pranno al traguardo a Torino

Xis 6 miglia run 30
Edoardo Misurelli 5° a Torino

Xassixixo e Diego a Pisa
Massimino Cozza e Diego Bruno in gara a Pisa

Alberto Xaratozzolo a Xataxia
Alberto Caratozzolo in gara a Catania

Alb e Sab
Due diverse emozioni a fire gara per Alberto Caratozzolo e Sabrina Gioberti

Lxxa Xrsaxo a Sqillaxe
Luca Ursano in testa a Squillace prima dello stop      

Un 2019 particolarmente propizio per il direttore tecnico della Cosenza K42 Maurizio Leone. Dopo la nomina a Fiduciario Tecnico Fidal del Comitato Calabro, ricevuta lo scorso novembre, un altro prestigioso titolo accademico va ad impreziosire la bacheca dei riconoscimenti ufficiali post agonistici dell’ex azzurro. Venerdì 13 dicembre alla Scuola dello Sport del CONI di Roma, Maurizio Leone ha conseguito la qualifica di Tecnico di IV Livello Europeo. Il Corso a numero chiuso, accessibile solo su proposta delle Federazioni, finalizzato a fornire una formazione altamente specializzata, rappresenta il più alto grado d’istruzione previsto dal Sistema delle Qualifiche degli Operatori Sportivi, riconosciuto dalla Comunità Europea. Durante l’intero corso di studi strutturato su 7 moduli, Leone in veste di unico tecnico in rappresentanza della Federazione Italiana di Atletica Leggera, si è confrontato con allenatori top level di Rugby, Volley, Basket, Sci, Nuoto, Pugilato, Canottaggio, Hockey, Scherma, Ginnastica, Arrampicata Sportiva e Sollevamento Pesi, acquisendo competenze riferite a particolari funzioni tecniche, quali quelle relative alla conduzione e alla gestione di atleti e squadre di alto livello e alla realizzazione di programmi di ricerca per l’individuazione del talento. Tra i tre Project Work selezionati per l’esposizione in pubblico dal Comitato Scientifico del Centro di Preparazione Olimpica Acqua Acetosa, anche quello elaborato da Maurizio Leone. Lo studio presentato nell’aula 6 dell’università del sapere sportivo, realizzato con la supervisione della professoressa Maria Francesca Piacentini (Docente IUSM Roma), ha analizzato il Fenomeno del drop-out giovanile dell’atletica leggera: frequenza di abbandono nei migliori atleti del mezzofondo, analisi delle cause e dei fattori che intervengono. La ricerca, prodotta con il supporto delle statistiche sviluppate dall’ingegnere Alessandro Vitale, evidenzia come in atletica leggera ottenere performance eccellenti nelle categorie giovanili, non rappresenta una certezza per il successo automatico in età adulta. Analizzate le cause implicate nel tasso di abbandono giovanile dell’attività agonistica nelle specialità del mezzofondo, la ricerca è riuscita ad entrare nell’ambito metodologico e di gestione dei giovani atleti esaminando mezzi e carichi d’allenamento, gestione delle gare e l’approccio psicologico alle competizioni dei runners Under 16. Lo studio conclude ponendo l'attenzione sull’estremizzazione dell’attività sportiva, indicando nei tecnici, dirigenti e genitori le figure coinvolte in prima persona per armonizzare il processo di maturazione delle giovani generazioni attraverso la pratica dello sport. “Gli allenatori ideali sono quelli che si offrono come ‘ponti’ verso la conoscenza e la padronanza e invitano i loro atleti a servirsi di loro …” (Prof. Alberto Madella - formatore ricerca scientifica applicata allo sport).

LPW 1
Leone spiega al pubblico il suo Project Work

LPW 2
L’ingresso in aula della commissione

LPW 4
Il momento del conferimento

LPW 5
L
a direttrice della Scuola dello Sport Rossana Ciuffetti consegna l’attestato a Maurizio Leone

LPW 3
Foto ricordo dei corsisti

LPW 10
Anche il Prof Luca Grandinetti alla presentazione del Project Work di Leone     

Mercoledì, 11 Dicembre 2019 08:06

RENDEZ-VOUS DI CONSOLO A REGGIO EMILIA

Appuntamento fisso per Luca Consolo con la Maratona di Reggio Emilia-Città del Tricolore. Domenica 8 dicembre, alla 24ª edizione della regina delle distanze dell’atletica leggera nella terra del “dio di maratona”, alias Stefano Baldini, l’SM40 in forza al club giallonero dal 2013, ha rischiato di sbriciolare il suo personal best (3h25:45) conseguito proprio a Reggio Emilia l’11 dicembre di tre anni fa. Consolo assistito ‘in diretta’ da coach Max Ragusa, è partito puntuale alle 9 da Corso Garibaldi insieme ad altri 2514 runners, tra i quali il senior Aldo Carbone giunto in Emilia per una sgambata da 21km. Su un tracciato non semplice, con passaggi sullo sterrato della campagna reggiana, il ritmo gara mantenuto sino al 28° km dal duo Consolo-Ragusa, proiettava entrambi gli atleti bruzi a concludere la maratona in 3 ore e 15 minuti. I crampi addominali rallentano però nel finale l’azione di corsa di Consolo, che abdica le ambizioni alla prossima edizione, terminando con il tempo di 3h30’06’’. Stesso crono per Massimo Ragusa. Aldo Carbone chiude la mezza in 1h22’01’’.

AAA
Aldo Carbone si è fermato ai 21Km

Mercoledì, 04 Dicembre 2019 08:47

MASTER OK A MONOPOLI, PRIMO CROSS PER I GIOVANI

La prima domenica di dicembre alcuni atleti appartenenti alle categorie master del club giallonero, si sono disimpegnati egregiamente alla 10ª Mezza Maratona Città di Monopoli. La runner SF45 di origini brindisine Stefania De Napoli, ha terminato i 21 km al 20° posto tra le pari età, con il tempo di 1h49’12’’. Bene Nuccia Fondacaro, 8ª tra le SF50, al traguardo con un crono (1h49’28’’) vicino al suo miglior tempo sulla distanza. Alle sue ultime performance in categoria, si conferma sempre ai vertici della SF55 Maria Gabriella Bartoletti, a podio anche in Puglia con il bronzo al collo in 1h50’46’’. In gara maschile Pasquale Marra chiude le sue fatiche al 75° posto tra gli SM60 in 2h14’18’’. Sui prati antistanti la pista di atletica leggera di Villapiana (CS), primo approccio con le campestri per i ‘run boys’ del settore giovanile bruzio, in vista dell’apertura della stagione dei Cross 2020. La manifestazione open a tutte le categorie, includeva il Campionato Provinciale Individuale di specialità. Sulla distanza dei 2 Km Allieve, Asia Dell’Accio si è imposta in 10’30’’. Tra le Cadette Linda Savaia vince i 1500 metri in 6’53’’. Paolo Caratozzolo e Niccolò Termini si classificano al 4° e 5° posto sui 2 Km Cadetti. Sul 1,5 Km Ragazzi Luigi Conforti taglia per primo il traguardo in 6’22’’. Terzo posto per Moses Dell’Accio (6’39’’), 4° Salvatore Savaia (6’43’’) e 5° Michele Greco (7’53’’). Sara Salerno vince i 1000 metri Ragazze. Tra gli Esordienti Sara De Vico non ha concorrenza sui 600 metri (2’25’’). Buon crono per il velocista Bernardino Gianni sui 5 Km (18’47’’).

StefiDe
Stefania De Napoli al traguardo

BartolettiMaria Gabriella Bartoletti in gara a Monopoli

Pasq
Pasquale Marra

Villa 3
I ragazzi del settore giovanile al cross di Villapiana

Un dignitosissimo 20° posto conquistato ad Osimo (AN) dal giovane mezzofondista della Cosenza K42 Giacomo Marotta, classe 2001, ha aperto domenica 24 novembre la stagione delle corse campestri in casa giallonera. Sui prati marchigiani l’atleta di Conflenti, che studia e si allena a Cosenza, se l’è cavata egregiamente al cospetto di un parterre di concorrenti di assoluto valore, alla caccia di una maglia azzurra nell’ultima prova utile di selezione per le rappresentative senior, under23 e under20, in vista degli Europei di Cross in programma il prossimo 8 dicembre a Lisbona. Intorno agli spazi verdi del rinnovato campo scuola della “Vescovana”, Marotta è partito fortissimo in gara Junior, fiancheggiando spalla a spalla per il primo chilometro i più quotati avversari. Lasciata la zona podio, dominata da Luca Alfieri (PBM Bovisio Masciago), Francesco Guerra (RCF Roma Sud) e Marco Fontana Granotto (Atletica Insieme Verona), il runner conflentese si è posizionato a metà gruppo su un tracciato non del tutto congeniale alle sue lunghe leve, considerati i diversi cambi di direzione, completando i 6 km della 7ª edizione del Cross Valmusone in 20’15’’ (3’20’’ la media finale a km), risultando 9° tra gli atleti al primo anno di appartenenza alla categoria. Un’esperienza molto positiva, che si incastra perfettamente nel percorso di crescita già programmato per il nuovo enfant prodige della scuderia bruzia, allenato dal Direttore Tecnico di K42, nonché neo FTR di Fidal Calabria, Maurizio Leone.

Giaxo
Giacomo Marotta nel gruppo di testa, di fianco al vincitore Luca Alfieri (pettorale 446)

partexza Junior Osixo
La nuova pista di atletica di Osimo inaugurata in occasione del 7° Cross Valmusone

Ampiamente condizionate dal maltempo le mezze maratone di Verona e Caserta, gare che hanno visto impegnati domenica scorsa due run K42 in tenuta neroverde, Norberto Rogato e Massimo Palermo. Il trentaquattrenne podista cosentino, alla prima stagione agonistica, perfeziona il suo miglior crono sui 21km alla Cangrande Half Marathon, distanza inserita all’interno della 18ª Verona Marathon, concludendo in décalage su piazza Bra al 203° posto su 2302 finisher, con il tempo di 1h30’41’’, 2 minuti e 20 secondi in meno rispetto alla mezza di Trani del 13 ottobre. Si è scatenato il diluvio prima del via a Caserta e il cetrarese Massimo Palermo ha dovuto faticare non poco per chiudere la 6ª edizione della Reggia-Reggia in 1h30’38’’, classificandosi 121° su 1122 arrivati. Forti emozioni per il pedacese Francesco Cava alla sua prima Maratona di New York, conclusa in 4h36’40’’. Esperienza che gli è valso l’encomio da parte dell’amministrazione comunale di Casali del Manco (CS), come primo cittadino ad aver partecipato alla più grande kermesse podistica del mondo.

PalerxoMassimo Palermo nel diluvio di Caserta

CAVA A NEW YORKFrancesco Cava a New York

Ritrovo con cena ieri sera tra vecchie glorie e simpatizzanti dell’atletica cosentina. Il ritorno in voga della regina degli sport in città, dopo anni di oblio, ha stimolato l’adunata di una miscellanea di ex atleti bruzi protagonisti in un arco temporale di quasi quarant’anni di corse, salti, lanci e prove multiple che hanno dato lustro all’atletica locale anche a livello nazionale. Tra ricordi, aneddoti e amarcord, seduti intorno al tavolo di un noto ristorante dell’hinterland, si sono ritrovati l’altista Gianfranco Nardi, i mezzofondisti prolungati Antonio Zumbo, Amedeo De Marco e Maurizio Leone, gli ostacolisti Massimo e Luca Grandinetti, i mezzofondisti veloci Serafino Marchese e Ferdinando Ritrovato, la pesista Lina Senatore e i velocisti Marcello Piro, Gianluca De Santis e Gianluca Donato. Un bagaglio esperienziale di alto valore tecnico, che a vario titolo molti di loro mettono quotidianamente a disposizione delle giovani leve giallonere.

mezzofondisti prolungati
I mezzofondisti prolungati Antonio Zumbo, Maurizio Leone e Amedeo De Marco

rexord 4x400I 'quattrocentisti' detentori del record regionale 4X400 datato 1989