Redazione

Redazione

La due giorni dedicata all’attività in pista programmata dai vertici gialloneri di via degli stadi nell’ultimo weekend, ha consentito alla K42 di svelare i progressi dei propri giovani rampolli impegnati a Siderno (RC) e Molfetta (BT) in diverse specialità. Sabato 13 in riva allo Jonio, in occasione dei Campionati Regionali Individuali Assoluti, a spiccare su tutti è stato lo Junior Pasquale Praticò, allenato dal decano dell'atletica reggina Alberto Adamo, aggiudicandosi il titolo di campione regionale sulla distanza dei 5000 metri, stabilendo sulla pista sidernese il suo nuovo personal best (16’48’’). Non da meno il suo compagno di categoria Giacomo Marotta, impostosi sui 1500 metri in 4’27’’, realizzando anche lui la miglior prestazione sulla distanza. Nella stessa gara un Michele Turco non al top, chiude 3° in 5’30’’. Sui 100 metri maschili Gianmarco Molinari fissa la sua seconda miglior prestazione in 11.94, classificandosi al 4° posto. Andrea Giordano in 13.31 si piazza all’8° posto. Nei 100 metri femminili Francesca Colonna (13.75) e Asia dell’Accio (14.20) conquistano rispettivamente argento e bronzo. Tra le gare extra in evidenza i Cadetti Giuseppe Felice Serpe e Paolo Vittorio Mauro, impegnati sugli 80 metri piani e nel salto in lungo. 10.53 e 4,77m tempo e misura per Serpe, 11.08 e 4,72m per Mauro. In gara femminile molto bene le Cadette Linda Savaia e Martina Dodaro che realizzano il proprio miglior crono sulla distanza degli 80 metri, tagliando il traguardo al 2° e 3° posto in 12.12 e 13.31. Domenica 14 all’8ª edizione del Meeting Nazionale Città di Molfetta, il forte vento di levante ha smorzato le velleità cronometriche della spedizione bruzia. A patirne per prima le conseguenze è stata la Cadetta Sofia Filice sui 1000 metri, chiusi al 5° posto con il tempo di 3’36’’. Paga pegno al clima Adriatico anche Niccolò Termini, 4° in 3’15’’ sul 1000m Cadetti. Esordio stagionale in pista per Edoardo Misurelli e Giovanni Monaco, entrambi schierati da coach Leone sulla distanza dei 5000 metri. Il 22enne Misurelli corre coperto fino al 3000, garantendosi passaggi da 3’04’’ a km. Staccatosi dal quartetto di testa, da solo controvento è costretto a calare il ritmo, riuscendo comunque a conquistare, grazie ad un buon finale, un meritato terzo posto in 15’51’’. Giovanni Monaco in 16’53’’ si classifica 8°. Sui 1500 metri Alberto Giungato termina in quinta posizione con il tempo di 4’16’’.

podio MolfettaIl podio dei 5000 metri a Molfetta

MiMo
Misurelli e Monaco in gara

Premiazione 1000m femminili a MolfettaPremiazione 1000m Cadette a Molfetta

PraMar
Pasquale Praticò con la maglia di Campione Regionale e Giacomo Marotta in gara a Siderno

DelXol
Asia Dell'Accio e Francesca Colonna al traguardo dei 100 metri 

SerMau
I salti di Serpe e Mauro a Siderno

Mercoledì, 10 Luglio 2019 14:38

UN LEONE DA GRANFONDO SUI TORNANTI DEL PORDOI

Da fondista professionista dell’atletica leggera a ciclista da granfondo amatoriale il passo è breve. O meglio giusto qualche uscita in bici da Pianolago a Lorica via Cellara e ritorno per testarsi e dire si all’invito dell’amico di mille sfide Stefano Baldini, promotore della squadra Enervit messa su per affrontare la Maratona delle Dolomiti insieme agli altri ex azzurri Ottavio Andriani e Giovanni Ruggiero. Un tuffo nella storia del ciclismo scalando i tornanti di Fausto Coppi e poi tornare dritto al campo scuola per seguire gli allenamenti dei ragazzi della K42, è una fatica che può compiere solo una persona con virtù eccezionali come Maurizio Leone. Dei percorsi previsti dalla Maratona dles Dolomites (138km - 106km – 55km) il quartetto Enervit capitanato domenica 7 luglio in Alta Badia dall’oro olimpico Baldini, ha completato quello medio valicando oltre al passo Pordoi, anche passo Campolongo, passo Sella, passo Gardena, passo Falzareg e passo Valparola, terminando con il terribile 'Mür dl giat' (il muro del gatto) con pendenza massima del 19% sul quale tratto si pedala col cuore in gola per non cadere. Una vera e propria impresa coronata da chi ha fatto della sofferenza prima una professione e poi uno stile di vita. Un valore da non disperdere e da trasmettere alle generazioni future.

Alex ZanardiLa squadra Enervit con Alex Zanardi

Sabato, 06 Luglio 2019 21:21

LA COSENZA K42 FA TRIS

Tris di vittorie su strada per la Cosenza K42, ottenute tutte durante l’ultimo weekend di giugno. Sabato 29 alla Stranotturna di Catanzaro ad imporsi sulla distanza degli 8,5 km è stato Edoardo Misurelli con il crono di 28’27’’. Anche il secondo gradino del podio è targato K42 grazie alla buona performance di Luca Ursano, giunto al traguardo in 28’48’’. Bene Francesco Turano 4° assoluto in 29’27’’ (1° SM50) e Agostino Esposito 8° in 30’30’’ (3° SM40). La formazione master impegnata sulle strade sul capoluogo di regione, ha prodotto per la 6ª tappa del CdS di corsa su strada un 4° posto in classifica maschile e un 2° posto in quella femminile. Domenica 30 alla CorriAvisGallina (Città Metropolitana di Reggio Calabria) di 9 km, lo Junior Pasquale Praticò ha avuto la meglio sul veterano Antonio Maggisano della Libertas Lamezia, superato all’ultimo giro e anticipato sul traguardo con ampio margine. Terzo posto per Alberto Caratozzolo che bissa l’ottima prova di Furnari sui 7 km, disputatasi due settimana prima in provincia di Messina. Sempre domenica in Basilicata, al VII Trofeo Fidas di Irsina (MT), trionfa per distacco un Giovanni Monaco in netta ripresa. Il Senior giallonero ha preso fin dalla partenza le distanze dagli altri concorrenti, lasciando il 2° posto ad Antonio Francolino della Fiamma Olimpia Palo del Colle.

Misu a Xz
Edoardo Misurelli taglia per primo il traguardo della Stranotturna

Misu e Urs
Il podio Assoluto

Pratixò
Maggisano e Praticò in lotta per il primo posto a Gallina

Giovanni Monaxo
Giovanni Monaco primo in Basilicata 

Un tocco d’internazionalità ha impreziosito la 3ª edizione del Meeting di Atletica Leggera Città di Cosenza, appuntamento estivo in pista proposto dagli ideatori ininterrottamente da 13 anni sugli impianti di atletica cittadini (campo scuola e stadio san vito), prima come Memorial Misasi (5000 metri) e dal 2017 come meeting multi specialità. L’edizione 2019 è stata anticipata dal convegno “Campioni o miraggi: il dropout in atletica. Italia e Grecia a confronto” organizzato dal CRUC con tema principale incentrato sull’abbandono giovanile. L’occasione ha anche sancito ufficialmente il gemellaggio tra l’Asd Cosenza K42 e la società di atletica greca Akritas di Kalamata. Le gare disputatesi il pomeriggio di sabato 29 giugno in un campo scuola fresco di restyling, hanno avuto inizio con le distanze dedicate alle categorie Esordienti per poi proseguire con le dispute fra Cadetti, Ragazzi, Allievi e Juniores. Alcune discipline aperte anche a Senior e Master. Tra i risultati conseguiti dai giovani atleti gialloneri diretti dai tecnici Leone (impegnato nella doppia veste di coach/speaker), Grandinetti, Giordano, Piro, Morelli e Salerno, da segnalare l’oro in 11.14 sui 100 metri Allievi di Gianmarco Molinari, conseguito anticipando il compagno di squadra Giuseppe Pio Raho, argento in 11.63. Sulla stessa distanza onnicomprensiva under 22, Bernardino Gianni chiude 2° in 11.93. I Cadetti Giuseppe Serpe e Paolo Mauro si destreggiano più che bene sugli 80 metri, conquistando argento e bronzo rispettivamente in 10.01 e 10.30. Massimo Lupo fa 27.93 nei 200 metri. Bene Niccolò Termine, oro nei 1000 metri Cadetti in 3’05’’. Sui 600 metri Esordienti Sara De Vico è argento in 2’07’’. Nei 100 metri Allieve interessante il 12.98 di Francesca Colonna. Si esprime su buoni livelli la talentuosa Sofia Filice sui 1000 metri Cadette, realizzando il crono di 3’29’’77. Sui 1000 metri Ragazze Sara Salerno chiude la distanza in 3’44’’, suo nuovo personal best. L’ottimo tratto in curva sui 200 metri di Asia Dell’Accio, consente all’Allieva K42 di ritoccare il suo miglior tempo (28.25). Conferma il suo valore sui 300 metri Linda Savaia, stoppando il cronometro su 51.71. Dopo aver disputato gli 80m, Giuseppe Serpe si impone nel salto in alto Ragazzi con la misura di 1,45m, realizzata al 3° tentativo. Tra i Master Gianfranco Nardi stabilisce il nuovo record regionale categoria SM60 con la misura di 1,40m. Presenti al meeting 14 società con oltre 200 atleti e tra questi 48 provenienti dalla Grecia. Un segnale positivo che comprova il trend in crescita del movimento dell’atletica giovanile regionale.

Alcuni momenti del Meeting di Atletica Leggera Città di Cosenza:

01
06

07

04

05

08

09

12

13

03

02

14

16

 

Svanisce a dieci metri dal traguardo il sogno di Ayoub Idam di fregiarsi di un altro titolo italiano durante i campionati nazionali su pista Juniores e Promesse, andati in scena in una tre giorni caldissima, dal 7 al 10 giugno, al Raul Guidobaldi di Rieti. Una gara, quella sui 5000 metri, praticamente già vinta da Idam e sfumata sul rettilineo finale per un assolo proiettato alla caccia all’oro lanciato forse troppo presto. Alle 21 e 15 i diciannove Juniores inseriti in seconda serie (formata da atleti con i migliori tempi di accredito), si avviano a ritmi eccessivamente blandi (1’14’’ al primo 400m) tanto da far temere cronometricamente una traslazione del podio tricolore addirittura tra i partecipanti della prima serie (quella di solito più lenta). Passati al mille in fila indiana in 2’57’’, Ayoub Idam prova a dare uno scossone con un giro di pista chiuso in 1’06’’, interscambiandosi in questo compito (di ravvivare l’andatura) con il laziale Francesco Guerra del RCF Roma Sud, che a sua volta stampa un 400m in 1’09’’. L’alternarsi di Idam e Guerra sgrana il gruppo senza però far decollare la competizione, caratterizzata solo dagli strappi dei due favoriti. Al 2000m (5’55’’) le belligeranze degli under20 stazionano ancora sull’attendismo. A 2200 metri dall’arrivo il giovane crotonese rompe gli indugi e da inizio ad una lunga e poderosa azione in progressione, concretizzatasi in un distacco massimo di 6 secondi tra sé, Francesco Guerra e Alain Cavagna dell’atletica Brembana. Ai più sembra fatta per l'oro. Il suono della campana invece da inizio ad uno stillicidio metro dopo metro originato dal recupero inesorabile di Francesco Guerra su Ayoub Idam, ormai con il serbatoio a secco e incapace di reagire. Guerra raggiunge Idam all’uscita dell’ultima curva. L’estremo tentativo di resistere di Idam si esaurisce in una chiusura del cordolo per frenare il sorpasso dell’avversario, mentre Francesco Guerra gli spunta dall’esterno andando a vincere la gara più avvincente di tutto il campionato con il tempo di 14’44’’16. Ayoub Idam si deve 'accontentare' di un argento che gli porta in dote solo una limatura del personal best (14’45’’41). Il bronzo va ad Alain Cavagna (14’48’’55). Un rammarico duro a smaltirsi che atleta, tecnico e dirigenza al seguito, diluiscono a notte inoltrata tra birre, pizze e nuovi obiettivi.

Ayoub 1
Ayoub Idam in azione a Rieti 

Ayoub 2
Ayoub Idam in netto vantaggio sugli inseguitori

Domenica, 02 Giugno 2019 22:14

ANDREA PRANNO LEADER INDISCUSSO A CROTONE

Come un gatto che graffia all’improvviso lascia il segno e se ne va, così Andrea Pranno affonda la zampata vincente alla 7ª edizione della Capocolonna-Crotone, corsa su strada di circa 10 km, andata in scena sabato 1 giugno lungo il litorale jonico crotonese. L’ex maglia azzurra assoluta agli europei di cross 2012, ricaricate le pile dopo un breve periodo d’appannamento, si riafferma sulle strade pitagoriche re incontrastato del mezzofondo senior calabrese. Partito dall’area archeologica di Hera Lacinia, Andrea Pranno si distanzia metro dopo metro da tutti, incrementando nel primo tratto 'ondulato' del percorso in linea un vantaggio irreversibile per gli avversari, oltrepassando il traguardo posto sul lungomare Antonio Gramsci con il tempo di 31’38’’. Alle spalle di Pranno a raccoglier gloria altri sei runners K42 finiti in top ten. Ad un minuto e 38’’ dal vincitore, conquista l’argento di giornata il compagno di club Giuseppe Gagliardi, che a sua volta anticipa Antonio Maggisano della Libertas Lamezia, bronzo in 33’52’’. Ai piedi del podio Aldo Carbone (34’09’’). Quinto Alberto Giungato in 34’13’’. L’8° posto in graduatoria è per Agostino Esposito (35’35’’), il 9° per Luigi Imbrogno (35’41’’) e il 10° per Eric Eduardo Chávez Sanchez (35’43’’). Il trofeo podistico di Capocolonna, valido come 5ª prova del CdS regionale master (la 4ª effettiva a causa di un rinvio), ha sancito la terza vittoria in campionato per la Cosenza K42, grazie alla massiccia partecipazione delle forze over35 schierate dal DG Ciccio Misasi. La graduatoria provvisoria di tappa assegna al team di via degli stadi 1478 punti, prima società davanti all’Hobby Marathon (1440 punti) e alla Libertas Lamezia (1405 punti). In classifica di società femminile le lady dovrebbero, in attesa di ufficialità, aver sfiorato il terzo gradino del podio. Domenica 2 giugno a Porto San Giorgio (FM), Luca Ursano ha vinto anche l’ultima tappa del campionato nazionale arbitri di calcio, aggiudicandosi il RefereeRUN 2018/2019.

DSC 8930Pranno al comando e il gruppo degli inseguitori

DSC 8900
Gagliardi, Carbone e Giungato in azione

DSC 8904
Agostino Esposito si è classificato 8°

DSC 8774
La squadra master presente a Crotone

IMG 20190602 WA0030
Luca Ursano 1° a Porto San Giorgio

Mercoledì, 29 Maggio 2019 00:08

AYOUB IDAM: OBIETTIVO MINIMO CENTRATO

Ogni anno per partecipare ai vari campionati italiani assoluti (Allievi, Juniores, Promesse e Senior) nelle diverse discipline dell’atletica leggera, è richiesto agli atleti l’ottenimento del “minimo”, tempo o misura, per essere ammessi a competere tra le élite di specialità. L’astro nascente del mezzofondo italiano Ayoub Idam (ancora in attesa di cittadinanza), accompagnato dal suo personal trainer Scipione Pacenza, domenica 26 maggio è andato a caccia del “minimo” in Maremma, partecipando al 3000 metri inserito nel programma tecnico del 9° Meeting Internazionale Città di Castiglione della Pescaia, alle porte di Grosseto. Infreddolito dalla lunga attesa per la spunta sotto la pioggia, in un clima tutt’altro che primaverile, alle 21:30 lo sparo dello starter dà inizio al tentativo d'acquisizione da parte del runner magrebino-crotonese del pass per i campionati tricolori su pista Juniores e Promesse fissati per il 6 e 7 giugno a Rieti. Transitato in 2’41’’ al mille, Ayoub Idam passa regolare a metà gara alle spalle dei due ugandesi Oscar Chelimo e Hosea Kiplangat, sgomitando per il terzo posto con il siciliano Giuseppe Gerratana del Centro Sportivo Aeronautica Militare. Lo sprint per il bronzo premia Gerratana al fotofinish ed assegna ad Ayoub Idam il lasciapassare per gli italiani di categoria grazie all’abbondante 8’17’’92, che vale la miglior prestazione dell’anno sia italiana che europea (crono utile anche per la convocazione in nazionale, ma ancora una volta 'sprecato' per l’impasse sull'iter cittadinanza). Il tempo realizzato sulla sei corsie rossa di Castiglione della Pescaia dalla stella più luminosa di K42, va ad aggiornare il PB conseguito lo scorso anno da Idam a Conegliano Veneto, riducendolo di quasi 2 secondi. Nello stesso weekend caccia al minimo in Puglia anche per i ventenni Alberto Giungato e Luca Ursano, che con medesimo meteo toscano in quel di Molfetta (BA), bucano entrambi le rispettive prove sui 1500m e 5000m. Ma l'appuntamento con il minimo per i due giovani mezzofondisti gialloneri, è solo rinviato.

Ursano a MolfettaLuca Ursano in gara a Molfetta

 

Domenica, 26 Maggio 2019 10:32

TURANO ARGENTO AI CAMPIONATI ITALIANI MASTER

Francesco Turano si conferma ancora una volta atleta di vertice dell’atletica master nazionale. Ieri sera ad Abbadia San Salvatore, in provincia di Siena, durante la prima giornata dei campionati italiani di prove multiple, staffette e 10.000 metri, lo sportyman di San Pietro in Guarano si è aggiudicato l’ennesima medaglia di prestigio sui 25 giri di pista, nella nuova struttura di atletica leggera toscana appena completata. Inserito in batteria eterogenea (dai Senior/Master 50 a salire), Turano parte in testa per scremare il gruppo, nel tentativo di imporre ritmi tali da sfiancare le avance dei succhiaruote, avvoltoi delle volate. A seguire Turano, distanziati di 20 metri, il viterbese Giuseppe Cioccolini dell’Asd AT Running, Alberto Di Petrillo del locale team UISP Abbadia San Salvatore e il foggiano Giuseppe Miglietti dell’Asd Daunia Running. A quattro giri dal termine Cioccolini riaggancia Turano, tallonandolo fino allo sprint finale, anticipandolo sul traguardo in 34’53’’. A meno di 4 secondi l’argento, quasi oro, del giallonero Francesco Turano. Alla 37ª Corsalonga Sangiovannese, gara podistica spezza gambe con gradini, salite e sterrato, nel centro storico di San Giovanni a Piro (SA), Agostino Esposito si piazza al 13° posto completando i 9 km del circuito in 36’12’’. Carlo Maselli chiude 124° in 45’54’’.

Turano Xioxxolini e xompany
Turano, Cioccolini e Di Petrillo

Agostio
Agostino Esposito e Carlo Maselli a San Giovanni a Piro

Domenica, 19 Maggio 2019 13:46

GIOVANI SPRINTER IN EVIDENZA A SIDERNO

Prosegue l’attività giovanile su pista dell’Asd Cosenza K42, presente sabato 18 a Siderno in occasione dei campionati regionali di società Esordienti e Ragazzi e validi anche come 2ª prova del CdS Allievi. Otto le giovani leve giallonere schierate nelle diverse distanze e discipline da Coach Leone, coadiuvato dagli istruttori Giordano e Salerno. Nuovi sprinter s’affacciano nel panorama della velocità calabrese sui 60 e 100 metri. Michele Greco proveniente dall’indotto delle scuole calcio cittadine, categoria Ragazzi, si scopre ottimo velocista e promettente saltatore, tagliando per primo il traguardo dei 60m in 9.06 e conquistando il 2° posto nel salto in lungo con 3,62m, misura raggiunta al primo dei tre salti previsti. Sui 100 metri Allievi maschili sfiora il podio Giuseppe Pio Raho, 4° in 12.55 al fotofinish. In categoria Promesse, buon esordio di Andrea Giordano, 4° in batteria Assoluta con il crono di 13.06. I primi due posti in classifica nei 100 metri Allieve sono di marca bruzia, grazie alle ottime prove di Asia Dell’Accio (1ª in 14.04) e Namy Cortese (2ª in 14.11). Nelle gare di mezzofondo in evidenza Michele Turco, primo anno Allievi, capace di girare a ritmo di 3’20'' a km nel 1500m, chiudendo la distanza in 4’59’’. Nei 1000 metri Ragazze, secondo posto in rimonta di Sara Salerno in 3’58’’. Medesima posizione in gara maschile per Salvatore Savaia in 3’59’’. Domenica 19 alla 43ª StraTaranto, gara su strada di 10 km, Sabrina Gioberti si classifica terza assoluta con il tempo di 43’32’’.

Grexo MiMichele Greco velocista e saltatore

Giuseppe Pio RahoGiuseppe Pio Raho con il pettorale 253

Giordano e Grexo
Andrea Giordano e Michele Turco

Savaia e Salerno
Salvatore Savaia e Sara Salerno durante la prova dei 1000 metri

Quaterna
Fase di risaldamento pre gara

Sabrina Gioberti a Taranto
Sabrina Gioberti alla StraTaranto

Mercoledì, 15 Maggio 2019 00:10

ALBERTO CARATOZZOLO TERZO A CAPO D’ORLANDO

All’interno del programma gare del campionato individuale assoluto siciliano di mezza maratona, andato in scena sabato 11 maggio a Capo d’Orlando (ME), anche una 10 km e mezzo piatta utilizzata da Alberto Caratozzolo per testare il grado di preparazione raggiunto dopo le 'cure' impartite da coach Leone, in vista dei prossimi impegni previsti dal calendario estivo Fidal su pista e su strada. Il 34enne mezzofondista di Bagnara Calabra, inseritosi nel gruppetto di testa del diecimila e spiccioli a giro unico su circuito urbano, denominato RunForPassion, dal secondo chilometro in poi ha gestito la posizione di terzo incomodo, mantenendola fino all’arrivo. Trentasette minuti e 41’’ il tempo impiegato dal runner categoria senior per completare il percorso di gara, lasciandosi anticipare sul traguardo solo dal siracusano Francesco Nastasi dell’Ortigia Marcia (35’55’’) e un minuto e 14 secondi dopo da Christian Milana, tesserato per l’Olibanum Overrunners di Olevano Romano (RM).